lunedì 12 settembre 2011

Qui e Ora (mindfulness-parteprima)

Qui e ora.

E' un anno che ci lavoro su.
Con "Qui e ora" è nata la storia con "qua e là".
Che non doveva essere una storia.
Che lo è stata e che forse non lo è più.
O che forse lo è ancora nella libertà di non esserlo.

Con "Qui e ora" ho affrontato le vacanze estive.
Scegliendo day by day che cosa fare, come muovermi e dove andare.
Ascoltando me ed il mio cuore.
Mettendo a tacere il turbinio dei pensieri.
Le elucubrazioni della mente.

Con "Qui e ora" ho trascorso una bellissima giornata con "mamma-zia".
Qui a casa mia.
Con le ragazze.
Rimanendo concentrata sul presente.
Lontana dal rancore del passato.

Con "Qui e ora" affronto questo mese di settembre.
Oggi l'inizio degli incastri con la scuola.
Con gli allenamenti di Qui.
Il nuoto di Qua.
La danza di Quo.
La fiera di paneburroezucchero.
Le visite al papà-zio nella casa di cura nelle langhe.
La mamma-zia sola e più malata.
I problemi con i soldi.
Il menage quotidiano.
"Qua e là".
L'uomo Denim e la mia vita privata.

Affronto tutto un passo alla volta.
Per non lasciarmi prendere dall'ansia del "Non ce la faccio"
Del "Come faccio??"
Quell'ansia che genera nervoso e che riporta alla mente i pensieri negativi.
Che produce rabbia e rancore.

Quell'ansia che in fondo è inutile perchè in qualche modo lo so.
Alla fine ce la farò.
Piano piano.
Step by step.
Pensando solo ad oggi.
Qui e ora.

Hic et nunc

Ne parlano persino in kung fu panda.
Dell'importanza di restare sul presente.
Solo in questo modo lui riesce a trovare la pace interiore.
E solo allora tutto diventa realmente possibile.
Perchè solo da quel momento lui capisce finalmente "Chi è!"

"Se chiudiamo gli occhi e cerchiamo di stare nel presente, riuscendo a non rimanere invischiati in pensieri o in storie che appartengono al passato, o in riflessioni su ciò che faremo in futuro saremo in grado di accedere a quello spazio magico che è la nostra essenza.
Solo quando metteremo un freno alla valanga di pensieri che ci tormenta riusciremo a fare silenzio e ad ascoltare quella voce che non scaturisce dalla testa, ma dal cuore.
Solo quando abbandoneremo la nostra abituale tendenza a voler controllare tutto e a capire razionalmente ogni cosa che accade riusciremo ad avere fiducia e a lasciarci condurre al di là della nostra mente in un cammino di crescita che va dal razionale al possibile." ("Reinventarsi-la tua seconda opportunità per una nuova vita" Mario Alonso Puig)

4 commenti:

Elisabetta ha detto...

Che bel post pieno di spunti , bella la citazione latino l'avevo dimenticata....è perfetta per certe situazioni che sto affrontando.

Rosa ha detto...

Questo post, come tutti del resto, è così profondo che ti entra dentro.. ed è inevitabile riflettere... un abbraccio..

Rosa ha detto...

...dimenticavo...
Mi piace questo nuovo look del blog.. più solare.. mi dà un senso di tranquillità...

Cento per cento Mamma ha detto...

Ciao! E' il primo post scritto da te che leggo. Ti ho appena scovata. E leggo tra le righe una serenità raggiunta e precaria, sudata e meritata. E' una vita che anch'io cerco di concentrarmi sull'hic et nunc, ma la mia mente non la pensa come me e va sempre oltre...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...