martedì 23 giugno 2009

Tenerezza

Non l'ho mai vista piangere con tanta disperazione, con il cuore dilaniato dal dolore mentre, distesa nel suo letto, mi spiegava quello che aveva dentro.

Ha trascorso un bel pomeriggio, me l'ha raccontato lei, ma non ce n'era bisogno. Erano 3 anni che aspettava questo momento, che aspettava di poter stare con la sua maestra del cuore; quella per la quale si è fermata qualche volta anche al post scuola pur non essendone iscritta; quella con il cui nome ogni tanto mi chiama soprattutto quando è sovrappensiero; quella che era andata a trovarla in ospedale quando era stata male due anni fa.
E' andata a casa sua, hanno costruito delle collane e delle girandole, hanno fatto merenda, sono state sul dondolo a chiacchierare come due vecchie amiche.
Poi, una volta tornata a casa, ha realizzato che quella sarebbe stata la sua ultima volta.
Il prossimo anno quella maestra non fara più parte della sua quotidianità.
Non potrà più correrle incontro gioiosa per farle vedere la sua maglia o la sua gonna "che gira"; non si godrà più le sue coccole; non riceverà più le sue sgridate serie o scherzose che siano.
L'ha realizzato mentre si stava preparando per andare a dormire e le sue lacrime hanno iniziato a sgorgare mentre mi diceva "M. mi vorrebbe ancora a scuola con lei!Mi ha detto 'Come farò senza il tuo sorriso?' Io voglio stare con lei, voglio ancora andare a casa sua!"
Si contorceva dentro il suo letto come se quel dolore le provocasse anche del male fisico.
A poco è servito dirle, che proprio perchè ora è fuori dalla scuola potrà vederla ancora a casa sua o a casa nostra, che potrà chiamarla o sentirla ogni volta che vorrà, che non la perderà.
E mentre cercavo di asciugare le lacrime della mia piccola/grande bimba il suo dolore diventava il mio e di nascosto piccole gocce scendevano anche sulle mie guance, perchè vederla soffrire, da sempre, lei così sorridente in ogni situazione, mi disarma e mi annienta; perchè leggere la sua sensibilità così simile alla mia mi tocca nel più profondo del mio cuore .... ti voglio bene piccola Becca!

5 commenti:

erounabravamamma ha detto...

yo darling. bellissimo post, mi ha commosso. sarà questa sera dolce di milano, sarà il ricordo delle cose che erano e non sono più. ah, la vita, che struggimento. anche attraverso gli occhi dei piccoli

caia coconi ha detto...

mi ha commosso questo post, che profondità disarmante hanno i bambini...
un abbraccio

Rita ha detto...

oh mamma....avete fatto piangere anche me, dev'essere davvero una splendida insegnante per trasmettere tutte queste emozioni...se almeno fossero tutte così...

Marlene ha detto...

lo ammetto, due lacrime son scese anche a me, del resto non ci vuole molto piango anche per le pubblicità, ma becca è formidabile, cosi piccola e cosi grande allo stesso tempo, pultroppo però essere cosi mature ti capire anche meglio il dolore. Povera piccola.

beba ha detto...

Oh piccolina...
ho letto con una morsa di tenerezza nel cuore

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...