mercoledì 30 giugno 2010

time out

Avevo un sacco di cose belle da raccontare.
L'inizio del mio corso di tango e la prima granita mangiata in compagnia dopo la lezione.
Il seminario dalla shatzuka con la conoscenza di E. e di tutte le coincidenze a lei collegate.
La decisione di affrontare il mio primo viaggione in auto per andare in Toscana armata di tenda, fuochi e bagaglio ridotto all'osso.

Mi ritrovo invece da lunedì di nuovo con il morale a terra.
Trascinata da quel bambino che dovrebbe invece essere un uomo di 40 anni.
Che riesce a fare sentire colpevole una bambina di 7 anni perchè mi racconta le cose a modo suo facendogli subire le ire di una ex-moglie che è soprattutto mamma.

Io vado avanti.
Io lotto per essere migliore, per me, per le mie nane.
Non sempre ci riesco, ma sento di essere maturata in qualche modo.
Lotto per superare ciò che è stato cancellando il brutto e focalizzando solo il bello.
Lui invece rimane fermo.
Getta sugli altri le sue colpe.
Mi riporta a fondo.
Nella rabbia, nell'amarezza e nella delusione.
La delusione di chi pensava che ormai le cose da assimilare fossero finite.
Che peggio di così non potesse essere.
E che invece si sbagliava!

Scusate sarò assente per un pò.
Sento di aver bisogno di un time out mentale.

7 commenti:

Tea ha detto...

Ciao,
porca miseria questa non ci voleva! Non permettergli di trascinarti giù....immagino che sia più facile a dirsi che a farsi....è che non è giusto che il tango, la granita e il resto, così duramente conquistati, debbano passare in secondo piano e vedere sminuito il loro valore di nuovo inizio...
A proposito di adulti che colpevolizzano i bambini, avrei da raccontarti una "chicca" di uno dei nonni dei miei bambini,....va bé, di mio suocero,,,l'ho detto! Quest'uomo a quasi 80 anni suonati, più bambino di un bambino, non ha trovato di meglio che incolpare il mio grande per una situazione di tensione che si era venuta a creare....ma io dico: che gli adulti si tengano le loro paturnie e/o paranoie! I bambini devono essere tutelati da certe cose, anzi è compito specifico di noi adulti tutelarli, di fare scudo perchè siano toccati il meno possibile da certe situazioni,portando sulle nostre spalle anche qualche peso in più di quello che normalmente riusciremmo a sopportare affinchè ciò accada....
Spero di non essere stata troppo casinista in questo commento il cui senso alla fine è quello di dirti: ti sono vicina.....
Buona notte
Tea

Mammachefatica ha detto...

Ma certo che lui è proprio "de coccio"... Viene quasi voglia di fargli dei dispetti! E che palle!

pollywantsacracker ha detto...

so come ti senti, anch'io lo vorrei fuori dalla mia vita, ma gli permetto sempre brevi incursioni nelle quali lui mi atterra il morale.
capisco la tua assenza. se hai voglia di sfogarti io sono qui, nella mia pagina c'è anche la mia mail, se vuoi. ciao.

kriegio ha detto...

Cerca di non lasciarti andare, per quanto possibile. Pensa che ti meriti di meglio, sicuramente meglio dell'abisso in cui, invece, ti porta lui ogni volta. Ti meriti IL MEGLIO! Noi donne abbiamo spesso la capacità di sminuirci e invece siamo più forti di quanto pensiamo. E tu lo sai, sicuramente, di essere più forte di lui e delle stupidaggini che tira fuori... Un abbraccio, a presto

Anonimo ha detto...

Sono una pedagogista consulente familiare. Te lo dico con il cuore: tieni duro, passerà.
Ovviamente lo sai da te che coinvolgere o colpevolizzare i bambini per colpe non loro è la cosa peggiore da fare nelle separazioni, ma tu questo lo stai subendo, purtroppo.
Avete mai preso in considerazione l'idea di farvi seguire da un consulente?
Comunque se hai bisogno di qualche consiglio ti lascio la mia mail venturoli.arianna@gmail.com.
Un abbraccio.
arianna

Patty ha detto...

Da innumerevoli generazioni... da sempre, la donna elabora il lutto ed in qualche modo rinasce.
L'uomo, da sempre si nasconde, mente a se stesso guardandosi allo specchio e non notando nulla di diverso....al massimo, se è insoddisfatto cerca in qualcos'altro(a) un'effimera via di uscita.
Gira in tondo e resta dov'era. Qualche "illuminato" se ne accorge, ma molto spesso è tardi...
NON permettere che un essere, che non è al tuo livello - almeno in questo momento -, ti trascini all'interno del suo guscio mentale.... non farti prendere dalla misericordia crocerossina del "io ti salverò", non ingannarti da sola, con il tuo carattere capiresti subito l'errore.
Lotta....per te stessa e per Qui, Quo e Qua.
Un abbraccio forte.

3bin3a ha detto...

Grazie a tutte. In effetti ho avuto qualche giorno di smarrimento, ma ieri sera, dopo l'ennesima e sfiancante corsa nonostante il caldo, dopo una nuova lezione di tango, dopo un paio di giorni di "down" sono tornata con una nuova consapevolezza.... inutile arrabbiarsi con chi non ha gli strumenti per arrivare a capire ciò che si sta cercando di spiegare malgrado i concetti in questione dovrebbero essere innati nella condizione di padre delle nane in questione!!

@Tea: posso capire che un uomo di 80 anni abbia un atteggiamento simile. L'età porta a ragionare in modo diverso ed un nonno non è in ogni caso il papà ...

@mammachefatica: nessun dispetto...tempo perso e nessuna soddisfazione. Preferisco andare oltre continuando a sentirmi fiera di me stessa.

@Polly: a me non interessa che lui sia dentro o fuori la mia vita. Non mi interessa ciò che pensa, ciò che dice o ciò che fa. Sono contenta se i nostri rapporti sono pacifici e privi di astio solo perchè questo mi permette di vivere meglio con me stessa e con le bimbe. Ciò che mi manda giù, che mi fa arrabbiare,che mi delude e che mi rende amareggiata è il suo atteggiamento nei confronti de sue figlie! E' sentire che loro si lamentano di un papà che gioca più con il figlio di "lei" che con loro. E anche se ciò non sarà vero in senso assoluto sicuramente lo è in senso relativo, ovvero per ciò che concerne la loro percezione. Come ho scritto prima, però, mi rendo conto che imbufalirmi con lui è tempo perso. Meglio è concentrarmi sulle ragazze e tamponare le sue cagate, cosa che, d'altro canto mi ritrovo a fare comunque!In ogni caso ti ringrazio per la tua disponibilità. Ne approfitterò dovessi sentirne il bisogno in futuro.

@Kriegio: lasciarmi andare io?!!!??? Giammai! Sono momenti passeggeri. Il mio silenzio era necessario per elaborare la situazione e la nuova inaspettata (nel senso che pensavo non sarebbe riuscito a deludermi più di come aveva già fatto!) delusione.

@Arianna: grazie! Avevo pensato a suo tempo alla consulenza familiare...IO! Con tutti i miei errori, però, credo in qualche modo di riuscire ad arginare alcune delle sue str... anche se il caldo che è scoppiato in questi giorni in effetti mi sta annebbiando un pò i neuroni!!

@Patty: Ti ringrazio perchè hai sempre voglia di leggermi e a volte anche di rispondermi!Un bacio.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...